HomeVita reale

Curioserie

Like Tweet Pin it Share Share Email

Cantami, o’ Peratrice Tim, del pelide Claudio l’ira funesta

Il karma di earl

Avevo una mezza idea di diventare un semi-proselita della teoria del karma, teoria secondo il quale una buona azione viene ricompensata – e analogamente una cattiva azione viene punita – qui, in maniera terrena e durante la nostra stessa vita.

Sacrificio umano commesso da me in epoche passate

Questa voglia di appartenere a gruppi new age, mi è passata stamattina quando ho scoperto che, per beccarmi due operatrici tim di tale portata di  Q.I., in base alla teoria sopraesposta, sicuramente in passato avrei dovuto sgozzare capretti, fare patti col diavolo o fare sacrifici umani. Due operatrici dal Q.I. complesso, così complesso da essere dotato di una parte reale e di una parte immaginaria.

Andiamo con ordine, giorno 06/01/2012 alle 14:56 ricevo un messaggio dalla numerazione 4852024 con il seguente oggetto: “Martina Stella e Primo Reggiani: fine di un amore senza un perchè. Il Sentimento che legava i due sembrava forte ma l’amore finisce, è triste ma succede”.
Costernatissimo per l’increscioso evento ho versato un paio di lacrime, poi mi sono ripreso dalla batosta e ho continuato con la routine della mia vita come se nulla fosse successo. Mi ero ripreso <3….

La trama si infittisce quando il giorno dopo, alle 10:30.. orario del mio secondo caffè mattutino, ricevo un altro messaggio, dalla stessa numerazione, con stavolta per oggetto: “Melissa Satta ingrassata di una taglia. L’ex velina, non si preoccupa più di tanto della bilancia e a giudicare dalle sue forme, fa bene.” A questo punto ho cominciato a sospettare, mi sono crollati quei pilastri di certezza che avevo, l”idiozia di corona, la dubbia eticità di berlusconi, l’inutilità della figura del papa,  2+2 che fa 4, l’inesistenza di dio e l’ottimo sapore delle lasagne con besciamella, zucca e salsiccia di mia madre.

faccio un servizio sulle curiosità e lo chiamo curioserie
ebbene si, ho cliccato, mea culpa

Si, era andato sicuramente cosi, avevo attivato non so come un servizio non richiesto, AVEVO SBAGLIATO e dovevo pagare quelle preziosissime informazioni riservate. Ho digitato su google il numero di telefono da cui ricevevo le interessantissime notizie e li ho avuto l’amara conferma.  Quello è un numero a pagamento. Alla modica cifra di euro e cinquanta centisimi potevo essere sempre aggiornatissimo sul mondo dei vip e delle robe curiose che ruotano attorno a loro!! WOW! tant’è che quei geniacci che hanno ideata questa genialata hanno chiamato il loro servizio CURIOSERIE!

Dei pazzi in altre parole. Il mondo ha bisogno di gente con idee innovative come questa.

Restava solo da capire come io avessi avuto modo di partecipare a questo brillante progetto.

Decido cosi di contattare il 119, dove un operatrice di cui non faccio il nome per la tanto conclamata “praivasi” (*edit: lo so che si scrive privacy, non violentatemi l’intelligenza), mi ha detto che io nel pieno possesso delle mie facoltà mentali avevo fatto clic su un banner pubblicitario e in questo modo avevo aderito al servizio.

Poi uno non deve bestemmiare… ma ora io voglio sapere per quale diomadonna di motivo io dichiaro di accettare un servizio (per quanto utile possa essere come quello in oggetto, intendiamoci, a tutti interessa sapere quanto sono grosse le chiappe della Satta) semplicemente cliccandoci sul banner, ammettendo che io l’abbia realmente fatto.

è come se non appena aprissi la busta dell’ultima offerta sui vini pregiati che mi arriva puntualmente nella stramaledetta cassetta della posta, automaticamente iniziassi a pagare i fottutissimi vini della svervegia e della culonia in offerta speciale a soli trentordici euro.

Una mamma coscienziosa che ha chiamato il 119
La boria tipica delle operatrici telefoniche

Le due operatrici, prima quella del 119, al quale ho chiuso il telefono, e poi quella del servizio abusi di tim (probabilmente nel senso che assumono gente che abusa della tua pazienza) mi hanno liquidato dicendo che è colpa mia se non sono informato sul fatto che navigare su internet è come un campo minato e devo stare attento a dove faccio click. La seconda mi ha pure informato su quanto fosse coscienziosa lei confidandomi che lei aveva disattivato il servizio “sms/mms a sovrapprezzo in decade 4” al figlio piccolo perchè sa che poi si guarderebbe i pornazzi dal cellulare. Tale presa di coscienza la hanno moltissime mamme in italia, la signora degli abusi mi ha pure detto in confidenza che tantissime mamme telefonano per fare disattivare questo servizio sui cellulari  dei loro pargoli

 

Questa è indubbiamente la faccia del figlio della signora degli abusi in seguito all’attività preventiva della madreIn definitiva dopo un ora ho appurato che la colpa era la mia perchè ho cliccato su un link. Ok, io ho pagato 3 €, per avere un rimborso devo seguire una procedura descrittami dalla tipa degli abusi convinta che la stessi ascoltando.

Io non avvierò nessuna procedura di rimborso, io pagherò i 3 € dato che come le due tizie mi hanno fatto capire è colpa mia, e io le mie colpe le pago. Io pago i 3 €, e cambio gestore, il quale ovviamente sarà informato preventivamente che se voglio sapere quanto è largo il buco del culo della velina di turno mi basta digitarlo su google e non essere informato tramite un comodo e conveniente sms. E’ capitato con la tim, poteva capitare con un altro gestore, il punto è che quando subiamo un torto dobbiamo cambiare gestore. Una sola persona non cambia nulla, tante persone si. Se tutti al minimo abuso cambiassero gestore state tranquilli che questa merdadismsmaggioratoindecade 4 sarebbe disattivata di default, come le numerazioni 144 da un bel pò di tempo. Ma per le signorine di cui sopra la libertà del cliente è sacra, anche la libertà di farsi spillare i soldi, quindi loro come azienda, giusto per non sbagliare lo lasciano attivo di default. Comunque, ora vado sul sito della 3, ho visto una smartpack black.. mi sembra interessante come offerta.